Categoria: Ricette

Le ricette consigliate dai migliori chef della A.R.R.M.

Pennette alla Robottara

Se qualcuno di voi ancora crede che i Robottari Magnaccioni si dedicano prevalentemente alla robotica, beh, questo articolo è fatto proprio per voi. Marco D’A. ha creato questo piatto chiamato ” Pennette alla Robottara ” e noi non possiamo non condividere con il pubblico web una delle migliori realizzazioni dell’ARRM in campo gastronomico in pieno spirito open source. Quindi non ci resta che augurarvi…buon appetito !

Ricetta per quattro persone:

400 grammi di pennette, ottime quelle di Barilla o Voiello
100 grammi di pancetta affumicata
50 grammi di salsiccia luganiga
50 grammi di olive nere saporite
200 grammi di mozzarella, preferibilmente di bufala
400 grammi di passata di pomodoro, meglio se con aggiunta di basilico.
1/2 carota
1/2 cipolla
1/2 sedano

In una padella abbastanza grande mettere un filo d’olio e far soffriggere le verdure tagliate a pezzettini, non appena imbiondiscono spruzzare con vino bianco, aggiungere la pancetta e la salsiccia fatta a pezzettini.
Fare andare il tutto per 4-5 minuti spruzzando regolarmente con il vino bianco dopo di che aggingere la passata di pomodoro e le olive fatte a pezzettini.
Far stringere la salsa cuocendo a fuoco moderato per 10-15 minuti, se necessario aggiungere acqua, a questo punto aggiungete la mozzarella fatta in piccoli pezzi e fatela sciogliere nel sugo, occorrono circa 3 minuti.
Nel frattempo avrete portato ad ebollizione l’acqua per la pasta e iniziata la sua cottura, dovete fare in modo che la pasta sia cotta al dente quando la mozzarella si è sciolta, scolatela e buttatela dentro la padella con il
sugo, fuoco al massimo spadellate per bene e servite in tavola ben caldo.
E’ un piatto ottimo e che sazia molto, quindi andate leggeri con i secondi.

Risotto alla robottara

Come la precedente volta Marco D’A ha preparato un nuovo piatto per i veri robottari.

Ecco un’altra ricetta speciale per allietare le vostre cene, il risotto alla
robottara è una variante del risotto alla carbonara, noto solo ai palati più
raffinati.

Ingredienti per 4 persone

400 grammi di riso arborio o carnaroli.
150 grammi di pancetta, dolce o affumicata a vostro gusto.
6 uova fresche
100 grammi di parmigiano reggiano, o grana padano se lo preferite.
1 cipolla, 1 carota.
1 + 1/2 bicchiere di vino bianco secco
1 bicchierino di vodka
2 litri di brodo di carne, o vegetale se preferite, assolutamente no il
brodo di dado.
Olio di oliva extravergine, burro, sale e pepe..

Preparazione

Come prima cosa preparare il brodo, quando pronto fate soffriggere nell’olio
extra vergine a fuoco lento la pancetta tagliata a dadini piccoli,
aggiungete 1/4 di cipolla e 1/2 carota tritate finemente, non appena la
pancetta imbiondisce aggiungete il riso, versate il vino e 1 mestolino di
brodo.
Girate lentamente e con cura il tutto fino a che il riso non assorbe il
liquido, ora versate tanto brodo quanto ne serve per coprire il riso e
continuate a cuocere a fuoco basso aggiungendo del brodo come serve per
tenere il riso coperto, dovete continuare a girare con cura il tutto molto
spesso.
Mentre il riso cuoce rompete le uova tenendo i rossi e solo due chiare,
mescolatele bene e aggiungete il grana, una presina di sale, pepe a vostra
discrezione, mescolate fino ad ottenere una crema.
Quando il riso arriva a 5 minuti dal tempo di fine cottura smettere di
aggiungere il brodo e continuate a mescolare fino ad assorbimento quasi
completo dei liquidi, ora aggiungete una noce abbondante di burro, mantecate
e spegnete il fuoco, girare per 20 secondi in modo da abbassare la
temperatura, versate la crema ottenuta con le uova e il grana, girare
lentamente con molta cura, è importantissimo che l’uovo venga aggiunto a
fuoco spento perchè non deve assolutamente cuocere creando l’effetto
frittata.
Non appena il riso si è miscelato alla perfezione con la crema vesate la
vodka, mescolate con cura e servite subito, si raccomanda un buon vino
rosato o un rosso delicato.

Buon appetito.

Giovanni Bruno liked this post
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.